Obbiettivi

 

Scopo dell’associazione è quello di proporsi come struttura di servizio per i soggetti Portatori di handicap ed i propri familiari, al fine di costituire per loro un costante riferimento ed un concreto supporto nella gestione delle problematiche connesse alla loro particolare condizione.

In special modo di quelle che mirano a veder garantita e tutelata l’accoglienza dei portatori di handicap in strutture ritenute idonee ad assicurare ai predetti un’ottimale assistenza durante l’intero arco della loro vita; soprattutto allorquando potrà ridursi o venire meno la possibilità di un fattivo interessamento da parte dei diretti familiari. 

L’associazione si propone l’esclusivo, perseguimento di finalità di solidarietà sociale, attuato mediante lo svolgimento di attività nel settore dell’assistenza sociale e socio-sanitaria, nella beneficenza e nella tutela dei diritti civili, attività tutte dirette ad arrecare benefici a persone portatrici di handicap fisici e psichici anche in ragione delle loro condizioni economiche e sociali.

A. promuovere la coesione tra i familiari di soggetti portatori di handicap, al fine di organizzare e coordinare le iniziative dirette all’assistenza, la cura, la riabilitazione, l’inserimento sociale e la tutela giuridica dei loro congiunti portatori di handicap;

B. proporsi quale interlocutore attendibile e rappresentativo presso le Istituzioni, ad ogni livello, per mettere in rilievo i diversi problemi emergenti connessi alle condizioni di handicap ed ai soggetti in esse coinvolti, per verificare il rispetto e l’attuazione puntuali delle leggi e disposizioni vigenti sulla tutela e l’assistenza dei soggetti portatori di handicap e dei loro familiari, per avanzare proposte e soluzioni riguardo problematiche che, pur contingenti e di rilevante impatto sociale, rimangono inaffrontate e/o irrisolte;

C. raccogliere e divulgare informazioni e conoscenze relative alla cura e prevenzione delle situazioni di handicap, evidenziando gli aspetti sociali e psicologici che da queste conseguono, agevolando lo scambio di idee, esperienze, collaborazioni ed in generale più vaste relazioni sociali tra familiari colpiti dalle predette situazioni e tra quest’ultimi e gli organi, direttivi ed operativi, delle strutture d’accoglienza e ricovero dei loro congiunti.