Villaggio Eugenio Litta

Il Villaggio Eugenio Litta è stato realizzato dalla Contessa Valeria Rossi di Montelera in memoria del suo unico figlio Eugenio, deceduto nel 1948 in giovane età.

Fu affidato all’Ordine Religioso dei Camiliani perché realizzassero nei fatti la motivazione profonda per la quale era stato costruito.

Oggi, il Villaggio Eugenio Litta, appartenente alla Provincia Romana dell’Ordine dei Religiosi Camiliani, è un Istituto di Riabilitazione accreditato con la Regione Lazio, per soggetti portatori di minorazioni psichiche, fisiche e sensoriali.

Le Istituzioni Camilliane nascono come luogo di servizio cristiano nella tutela della salute integrale del malato, nel rispetto della sua dignità e in difesa del significato umano e divino della vita, sono aperte al progresso tecnico e scientifico a servizio dell’uomo, si impegnano a promuovere lo spirito comunitario in un ambiente improntato ad evangelica accoglienza, calore umano e cordialità di rapporti.Il malato è il vero protagonista del Villaggio Eugenio Litta; gli operatori lavorano per farlo diventare cosciente, laddove è possibile, del proprio processo riabilitativo. I suoi diritti sono inalienabili e sono tutelati dalla legge e dall’amore cristiano.